copertina blog

Con 88 nazioni e 76 lingue è la piattaforma di ricerca seconda solo a Google di cui tra l'altro è una proprietà: Youtube. 1 miliardo di visitatori unici, ci racconta che cosa è il web, oggi: una piattaforma video, milioni di contenuti che ‘parlano’ tutte le lingue del mondo. Non solo Video. Il web è il mondo intero portato in rete e per questo parla tutte le lingue del mondo, e permette a tutti di entrare in contatto con canali online che parlano lingue diverse.

websiteandvideo

 

Ma cosa centra tutto questo con un video? Centra perché un video è fatto in tanti casi anche di parole, di parlato. Se poi si tratta del video con cui promuovi la tua azienda e i tuoi servizi, la lingua è anche una scelta.

Conosci Gomorra, le serie televisiva? Ecco, se la cerchi su Wikipedia, alla voce lingua, viene indicato napoletano, e italiano. Ora, te lo immagini un bergamasco che guarda una serie televisiva sulla camorra recitata in napoletano? Capisce tanto quanto capisce un napoletano che ascolta dei bergamaschi che chiacchierano in un bar della Val Brembana in dialetto. Cioè, nulla. E allora sai che cosa hanno fatto quelli di Gomorra? Hanno sottotitolato tutta la serie, rendendo il contenuto fruibile a tutti. Gli italiani hanno guardato una serie recitata in napoletano con i sottotitoli in italiano. E, finalmente, hanno capito chi fosse alleato con chi 🙂

Lasciamo Napoli e torniamo al mondo… e a internet, il nostro contenitore che tutto il mondo contiene. Pensiamo al tuo video spot, al video aziendale per promuovere la tua attività, quello che hai deciso di far realizzare per pubblicizzare i tuoi prodotti/servizi e la tua azienda. Ti sei affidato a dei professionisti, hai seguito i loro consigli e le loro indicazioni, hai realizzato un prodotto che mostra chi sei e cosa fai, il tuo cuore e la tua passione. Hai raccontato, tu, con la tua voce e le tue parole, la tua realtà professionale. In che lingua hai parlato?

Noi consigliamo sempre al cliente di parlare la propria lingua e conservare fieramente la propria identità. Se il cliente però è una multinazionale, molto probabilmente sceglierà di parlare in inglese. In ogni caso, consiglieremo di sottotitolare il video per due motivi fondamentali:

l’85% dei video su Facebook (ad esempio) vengono guardati senza audio sottotitolare un video vuol dire ‘ampliare’ la propria audience, raggiungere più persone.

Chi sceglie una vetrina come il web per promuoversi, lo fa per far crescere la propria attività, il proprio giro d’affari, e magari affacciarsi al mondo intero. Ad un mondo che parla più di 76 lingue. 76 lingue, con una che, più di tutte le altre, riesce ad essere la lingua del mondo: l’inglese. Quella che più di ogni altra riesce ad aprire tante porte. E quindi cosa fare, con un video professionale? Quello che ha fatto Gomorra: metterci i sottotitoli. Lo sai in quanti Paesi è stata venduta, Gomorra? 170. Ecco, non bisogna aggiungere altro.

 

 

 

 

 


Quando navigate su un sito web, cominciate a dare un'occhiata alla barra degli indirizzi. Il dominio potrà iniziare con le lettere "http" o "https". La differenza tra queste due è che quest'ultimo indica un sito web sicuro e tutte le comunicazioni tra il browser e il sito web sono crittografate.

https logo

In un sito "http" standard, la comunicazione avviene in formato testo e chiunque potrebbe leggere o addirittura intercettare le informazioni. In passato, la modalità cifrata (o "https") era adottata principalmente da banche e grandi portali e-commerce che consentivano i pagamenti con carta di credito. Ora non più. Google vuole che tutti utilizzino la crittografia per impedire agli hacker di modificare un sito per ingannare un utente.

A partire da Gennaio 2017, tutti i siti che non utilizzano la crittografia saranno contrassegnati come "non sicuri" su tutti i browser Chrome (circa il 50% del mercato dei browser). Questo è il primo passo. Google prevede già di rilasciare una versione in cui il browser mostrerà un avvertimento a forma di triangolo rosso con un punto esclamativo (una sorta di segnale di pericolo) agli utenti, se il sito non è sicuro. Il che potrebbe spingere gli utenti lontano dal vostro sito, ancor prima di averlo visto.

Infine, con molta probabilità la cosa andrà ad inficiare anche il posizionamento nei risultati di ricerca.

Cosa si può fare: quando visitate il vostro sito web, guardate il dominio se inizia con http: // o https: //. Se non ha la S finale e non presenta un simbolo (lucchetto), contatatte il vostro hosting e chiedete loro aiuto per ottenere una connessione sicura. Si tratta di una correzione piuttosto facile per la maggior parte dei siti web di PMI, dal costo molto basso, ma per stare tranquilli affidatevi al vostro webmaster per evitare spiacevoli interruzioni del servizio.

WhatsApp è la chat più usata dagli italiani, ma è boom per Telegram. Sono le stime che riguardano l'uso delle app di messaggistica nel nostro paese di Vincenzo Cosenza, esperto di social media, che ha messo insieme una serie di dati acquisiti da diversi provider.

49245ab3c76ff21f3b32c151687ba67e

WhatsApp, di proprietà di Facebook, è usato da 22 milioni di italiani (nel mondo ha 1,2 miliardi di utenti attivi al mese), in crescita del 19% rispetto allo scorso anno. La base utenti è molto trasversale, dai più giovani ai più anziani, che lo usano in media 11 ore e 30 minuti a testa, ogni mese. Tra gli utenti più forti c'è il segmento 15-24 anni. Facebook Messenger (altra app di Zuckerberg) viene usato da 15 milioni di italiani (nel mondo da 1,2 miliardi di utenti attivi al mese), con un +25% rispetto al 2016. "Il tempo di utilizzo mensile per persona è di 1 ora, quindi se ne può dedurre che viene sfruttato per comunicazioni brevi intra-personali e non per lunghe discussioni in gruppo, tipiche di WhatsApp", spiega Cosenza.

Secondo le stime dell'esperto segue Skype con 8 milioni di utilizzatori italiani ma in decrescita del 16% (nel mondo ha 300 milioni di utenti mensili), l'uso per persona si ferma ad 1 ora al mese". A sorpresa, al quarto posto, si piazza Telegram usato da circa 3,5 milioni di italiani, in crescita del 150% rispetto allo scorso anno (nel mondo sono oltre 100 milioni). "L'utenza più attiva - spiega l'esperto - è quella dei 15-24enni, che lo usano per le sue caratteristiche di segretezza, è stato il primo ad introdurre una criptatura end-to-end, e per la presenza di bot, programmi che automatizzano l'invio dei messaggi. Queste funzioni stimolano un'attività media di 2 ore e 30 minuti a persona".

A seguire ancora c'è Viber usato da circa 1 milione di italiani, -40% rispetto al 2016 (nel mondo è apprezzato quanto da 260 milioni di persone). Chiudono la classifica WeChat utilizzato da 280.000 italiani (in calo del 25%) per ben 6 ore (probabilmente soprattutto dalla comunità cinese in Italia) e Windows Live Messenger usato da 150.000 persone per circa 5 minuti, "in caduta libera dopo il successo iniziale".

HAI DECISO DI APRIRE UN SITO INTERNET PER VENDERE O PER FARE ALTRO? CONTATTACI